Le nostre sedi
Roma
(sede legale)
Milano
(direzione e sede principale)
cerca nel sito|
NEWS
23 DICEMBRE 2017
VIA LIBERA DAL CIPE, L'AURELIA RADDOPPIA
Presto il decreto che finanzierà l’adeguamento a cura di Anas. Passa la soluzione “ibrida”: a Sat il tratto Orbetello-Capalbio
 
Approvata dal Cipe la Tirrenica spezzatino. Nell’ultima seduta della legislatura, il Comitato interministeriale per la programmazione economica ha dato il via libera ad opere ritenute “strategiche” per la Toscana. Fra queste anche la Tirrenica, o meglio ciò che rimane di un tracciato che, allo stato attuale, si divide fra un’autostrada (da Tarquinia ad Ansedonia) e una superstrada (da San Pietro in Palazzi ad Ansedonia). 
 
Il Cipe ha certificato anche la nuova procedura che prevede il subentro di Anas rispetto a Sat nella realizzazione dei lotti da San Pietro in Palazzi a Orbetello Scalo. Prevista la ridefinizione del rapporto di concessione con Sat per la realizzazione della tratta Tarquinia – Ansedonia e della superstrada a 4 corsie da Ansedonia a Orbetello Scalo. 
 
Questo quindi il quadro: Anas realizzerà l’adeguamento fino a Orbetello Scalo e lascerà il passo a Sat che adeguerà l’Aurelia fino ad Ansedonia per poi realizzare un’autostrada sul territorio del Comune di Capalbio fino a Tarquinia. In poche parole l’unico comune della zona sud ad avere sul suo territorio un’autostrada sarà Capalbio. 
 
Uno spezzatino nella tipologia di tracciato e uno spezzatino nei soggetti che realizzeranno l’opera. 
 
Del resto Sat non può uscire di scena dal momento che ha una concessione sulla quale c’è sì una procedura di infrazione da parte dell’Europa ma che di fatto esiste ed è in vigore. 
 
«Per la Toscana oggi è una giornata storica», commenta la sottosegretaria all’ambiente Silvia Velo che ha preso parte alla seduta del Cipe in rappresentanza del Ministero dell’ambiente. «Si tratta di un significativo passo avanti per una infrastruttura strategica per tutto il litorale tirrenico che renderà più competitiva la costa della Toscana e i suoi porti oltre a garantire la sicurezza dei cittadini. Il ministero delle infrastrutture – continua Velo – si è preso l’impegno a emanare nel giro di poche settimane un decreto relativo all’apposito finanziamento per Anas destinato alla realizzazione dell’opera».
 
Parole di soddisfazione arrivano anche dalla Regione Toscana e dall’assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli che parla di «un passo avanti nel percorso per la trasformazione del progetto per il completamento del Corridoio tirrenico, nel tratto compreso tra San Pietro a Palazzi e il confine regionale».
 
L’idea di passare dall’idea di autostrada a quella dell’adeguamento dell’Aurelia risale ad aprile scorso, quando il ministro alle infrastrutture Graziano Delrio aveva parlato di una revisione di progetto rimettendo in gioco tutto il percorso compiuto dagli enti interessati al tracciato fino a quel momento. Da allora è iniziato un nuovo iter che sembra essere arrivato ieri a un punto decisivo. 
 
«Dopo il recente passaggio in conferenza dei servizi e la presa d’atto del parere negativo dato dai Comuni rispetto all’ipotesi progettuale presentata da società Autostrade, ora il Cipe – dice Ceccarelli – ha preso atto dell’informativa nella quale si illustrava la proposta di revisione del progetto attraverso una soluzione condivisa che prevede la realizzazione di due carreggiate distinte, l’eliminazione di svincoli a raso e la realizzazione di complanari in modo da realizzare l’ampliamento dell’infrastruttura esistente, rendendo più sicura la circolazione. La soluzione è stata presentata dal Ministero delle infrastrutture. Per rendere operativo quanto deliberato dal Cipe si andrà alla firma di un protocollo d’intesa tra i soggetti interessati – Ministero, Regione, Società Autostrade e Anas – e un decreto del presidente del Consiglio garantirà all’Anas, in quanto nuovo soggetto attuatore, le risorse necessarie alla
realizzazione. Il passaggio al Cipe rappresenta la certificazione della fattibilità della revisione progettuale così come proposta dal Ministero – conclude l’assessore – ora ci aspettiamo che siano compiuti con la massima rapidità gli atti necessari per la realizzazione dell’intervento». 
 
di Ivana Agostini
 
http://iltirreno.gelocal.it
© 2018 Uniontrasporti | Uniontrasporti s.cons.r.l. - Via E. Oldofredi, 23 - 20124 Milano | P.Iva 08624711001 | Informativa sui Cookie